venerdì, 18 aprile 2014
Home > Linux > Recuperare dati da un hard disk con settori danneggiati formattato in ntfs

Recuperare dati da un hard disk con settori danneggiati formattato in ntfs

Hard Disk Recovery Data

In questi giorni mi sono divertito a recuperare dati da un hard disk esterno non leggibile di un amico. L’hard disk inserito tramite usb in un sistema Windows non dava segni di vita. Riavviando Windows Vista per la precisione, con l’hard disk inserito partiva in automatico il chksck ma dopo un po di tempo non restituiva output e Windows si avviava normalmente senza riconoscere l’hard disk.

Anche con Ubuntu ci sono stati problemi, il disco veniva riconosciuto ma impiegava molto tempo per essere montarlo, e comunque, una volta montato i dati al suo interno non erano leggibili. Il tool Gestore dischi, fornito di default con Ubuntu mi ha fatto vedere solo che stava cercando di montare l’hard disk e dove l’aveva montato. Tutte le funzioni del Gestore dischi generavano errori. Ubuntu in queste fasi risultava molto lento nell’eseguire i comandi fdisk o altri in generale.

Di seguito cercherò di descrivere i passi che ho eseguito per recuperare i dati con Ubuntu e alcuni strumenti Open Source.

La prima cosa da fare è individuare con il comando fdisk il dispositivo associato al nostro Hard disk esterno. E’ anche visibile dal Gestore dischi. Da terminale:

sudo fdisk -l

L’output dovrebbe essere simile all’immagine seguente:

Output Fdisk

Il nostro dispositivo è /dev/sdb1, questo articolo si baserà su di esso. Voi dovrete cambiarlo se vi verrà assegnato un’altro dispositivo. Se non dovesse essere rilevata la partizione dovrebbe andare bene anche /dev/sdb.

Come ho detto in precedenza è possibile che il processo di mount automatico di Ubuntu potrebbe richiedere molto tempo. In questo caso utilizzeremo il comando fuser, che ci permette di individuare il numero di pid del processo che sta utilizzando il nostro dispositivo. Da terminale:

sudo fuser /dev/sdb1

Con sudo kill -9 Pid uccidiamo il processo.

Ora verifichiamo che il nostro hard disk sia smontato, se non lo è, smontiamolo noi con il comando:

sudo umount /dev/sdb1

Ora utilizzeremo GNU ddrescue, un comodo programma che ci permetterà di fare un immagine del nostro disco saltando i settori danneggiati. Per prima cosa installiamo gddrescue da terminale:

sudo apt-get install gddrescue

La sintassi è molto semplice, ddrescue opzione /dev/sdb1 file_immagine.img log_file.log per maggiori dettagli vi rimando all’help del programma.

Il comando che ho utilizzato per creare l’immagine dell’hard disk è:

sudo ddrescue /dev/sdb1 immagine_hd.img LogFile.log

Nell’immagine seguente Gddrescue in esecuzione:

Rddrescue

Il comando sopra riportato con un hard disk di 100 giga ci ha impiegato circa 12 ore per generare il file immagine.

Una volta generata l’immagine bisogna fixare la partizione. Un ottimo software su Ubuntu è Ntfsprogs, reperibile dei repository ufficiali e installabile tramite il comando:

sudo apt-get install ntfsprogs

Tra le varie funzioni di Ntfsprogs noi utilizzeremo solo Ntfsfix, la sintassi da utilizzare per risolvere problemi con le partizioni Ntfs del nostro file immagine è la seguente:

sudo ntfsfix immagine_hhd.img

Ora non ci resta che montare il nostro file immagine, privo dei settori danneggiati. Per montare il file immagine ho utilizzato Furius ISO Mount, programma descritto in questo articolo. L’unico accorgimento è impostare il mount con Furius ISO Mount in loop mode.

Furius ISO Mount Loop

Nel mio caso sono riuscito a recuperare quasi tutti i dati dell’hard disk :) spero che questo articolo aiuti anche voi a fare lo stesso.

80 commenti

  1. Ciao, ho un problema con un mio hard disk della maxtor. Purtroppo non ho linux installato, ma facendo partire la live di ubuntu e facendo un check degli hard disk, ho visto che il settore 65 di questo hard disk è danneggiato. Possono i programmi da te descritti riuscire a recuperare i file del mio hard disk danneggiato?

    Grazie in anticipo per la risposta

    • Ciao Shinobi,
      si, i programmi descritti possono recuperare i dati del tuo hard disk. Prima di iniziare a recuperare i dati con i programmi descritti nell’articolo, vedi se Ubuntu riesce a montarlo e a farti navigare all’interno delle directory. Se ci riesce, basta copiarli da qualche parte.

      • Ciao, ho seguito tutte le istruzioni. Ho generato un file immagine con estensione .img. Quanto utilizzo Furiusisomount e quindi monto l’immagine viene aperta una cartella con lo stesso nome del file immagine ma senza file. Che cosa ho sbagliato? Premesso che con PHotorec e testdisk ho recuperato diversi file.

        • Ciao panther43,
          molto probabilmente la struttura del filesystem o della partizione è corrotta. Forse i settori danneggiati hanno invalidato queste parti. E’ capitato anche a me alcune volte e l’unico modo per recuperare i file è stato proprio Photorec.
          Non penso che tu abbia sbagliato qualcosa, il fatto che Furiusisomount ti apre il file immagine è un buon segno, l’immagine che hai creato è valida. Penso che sia l’hard disk da cui hai fatto l’immagine che forse aveva questi problemi.
          Prova a vedere con TestDisk se ti vede la partizione nel file immagine e in caso prova a fixarla. Se ci riesce, riprova a montarla.

  2. Ciao , grazie per questa guida mi è stata utile .

  3. Ciao Lino, ti ringrazio. Domani seguendo le tue indicazioni proverò a ripetere l’operazione.

  4. Ciao.. ti ringrazio gia in anticipo per queste importantissime indicazioni… ho seguito tutti i passaggi ma ho un problema: l’immagine ke crea la salva nella partizione file system ma non ho spazio a sufficienza… c’è un modo per cambiare il percorso e farla salvare in “D:”??
    grazie.

    • Ciao Flavio,
      si. basta aggiungere il percorso al file immagine.
      Esempio:
      sudo ddrescue /dev/sdb1 /media/HD/immagine_hd.img /media/HD/LogFile.log

      Nell’esempio riportato salva l’immagine e il file di log sull’hard disk esterno con nome HD.

      Tu vuoi salvare in D:? D su linux non esiste e questi programmi non girano su Windows, ma solo su Linux.

      • grazie mille…
        Proverò subito.. l’immagine che crea sarà della stessa grandezza dell’hd? Perche il mio hd è da 160G ma ne ho a disposizione solo 130(sto usando un netbook).
        Per quanto riguarda “D:” no lo vorrei salvare su Disco locale(in comune tra windows e linux)!

        F.

      • La grandezza dell’immagine che verrà generata sarà all’incirca grande come la partizione che intendi recuperare. Ti servono 160 Giga liberi.

  5. Ok ti ringrazio ancora!
    Spero di risolvere al piu presto :)

  6. Ciao Lino, ho trovato la tua guida per caso. Ho un problema simile, solamente l’hard disk è interno e se è attaccato al pc, windows ci mette un’eternita ad avviarsi e dopo la schermata di logon è impossibile fare qualsiasi cosa, il pc è in stallo completo.
    Credo che il problema è stato causato da un cavo di alimentazione malfunzionante che il tecnico mise nel negozio durante il montaggio del pc, era un cavetta riparato “artigianalmente” con saldture fatte male.
    Dopo aver sostituiro il cavo di alimentazione tutto andava bene, dino a ieri… Il problema è lo stesso, quando l’hard disk è attaccato al pc, l’avvio è lento ed è impossibile fare qualsiasi cosa.
    L’hard disk è un western digital da 1.5Tb praticamente nuovo.
    Domani scarico l’ultima versione di ubuntu e provo a fare la procedura descritta da te.
    L’unico dubbio che mi viene è come attaccare l’hard disk al pc? Se durante l’avvio da questi problemi, l’unica soluzione è attaccarlo a pc acceso, non so però se conviene farlo, ho pensato di usare un adattatore sata/usb. Ah e poi volevo chiederti se conviene installare ubuntu per fare questa cosa, oppure basta utilizzare un live cd?

    • Ciao Cloud,
      si devi utilizzare un live cd o Usb. Una volta avviato il sistema live vedi se il tuo hard disk viene riconosciuto e montato. Se viene riconosciuto salva il salvabile!!!
      Poi dovresti vedere con il programma Gestione Disco, presente in Ubuntu se risulta qualcosa di anomalo. Tipo la dimensione. E avvia il controllo SMART.

      Se Ubuntu non ti riesce a leggere l’hard disk segui la guida descritta in questo articolo.

  7. Ciao Lino!
    Sto scrivendo dalla live… L’hard disk danneggiato è diviso in due partizioni, una piccola da circa 100gb e l’altra più grande, contenente tutti i dati che dovrei recuperare.
    Riesco solo a montare la piccola partizione.
    Ho installato ddrescue… mi consigli di fare l’immagine?

  8. Se provo a montare il volume con disk utility ottengo questo errore:

    Error mounting: mount exited with exit code 13: ntfs_attr_pread_i: ntfs_pread failed: Input/output error
    Failed to read NTFS $Bitmap: Input/output error

    ed ecco che errore mi da la scansione SMART:

    http://i39.tinypic.com/n6x3i9.png

  9. Si, hai alcuni settori danneggiati. Fai l’immagine con ddrescue.

    Se hai fortuna, il contenuto dell’articolo dovrebbe risolvere il tuo problema.

  10. sto già facendo limmagine.
    Ti faccio sapere come andrà a finire.

  11. Ciao Lino!
    Vorrei ringraziarti, seguendo il tuo tutorial sono riuscito a recuperare tutti i dati dall’hard disk danneggiato. Grazie!

  12. ciao Lino, avrei un bel problema, l’hdd esterno da cui devo recuperare i dati è da 1 tera, dunque nel mio pc l’immagine non ci sta..ho a disposizione un secondo hdd con spazio a sufficenza, ma quando digito “sudo ddrescue /dev/sdb1 /media/HD/immagine_hd.img /media/HD/LogFile.log” sostituendo HD con dev/sdd1 che sarebbe il percorso in cui vorrei creare l’immagine mi da questo errore “ddrescue: cannot open input file: No such file or directory”.. come posso risolvere?
    grazie

    • Ciao noppo,
      mi sembra che il problema sia l’hd danneggiato e non hd dove vuoi salvare l’immagine e file di log. Il consiglio che ti posso dare è di andare per tentativi. Ad esempio, da terminale crea un file sull’hd dove vuoi salvare l’immagine. ls >> /media/HD/file.txt

      Se il comando ti funziona e trovi il file sul hd, il problema è l’hd danneggiato che è illeggibile. Ti consiglio anche di utilizzare il programma Gestione Disco e vedere se l’hd danneggiato è comunque riconosciuto dal sistema.

  13. Ciao Lino
    io ho un portatile asus, il 31 dicembre il disco fisso non ha voluto saperne di partire ed ho dovuto sostituire il disco fisso dove ho molti lavori fatti e voglio recuperare. Ho un case dove ho inserito il disco rigito che ho tolto in modo da poterlo collegare al mio computer, è possibile recuperare i dati in qualche modo? il sistema operativo era il windows 7 a 64 bit, adesso ho reistallato win 7 (aggiornamento da vista) a 32 bit, perchè con 64 avevo problemi a farci girare alcunio software e quindi sono tornato alla versione 32bit.
    Ti ringrazio anticipatamente per la risposta che mi darai.
    Ciao Lucio

    • Ciao Lucio,
      se colleghi via usb l’hd al tuo pc con windows, viene riconosciuto?
      Dovresti provare con un live-cd di linux ed eseguire il comando sudo fdisk -l e verificare se il tuo hd viene visto. Se viene visto, ci sono possibilità di recuperare i tuoi dati.

  14. Ciao Lino, grazie per la risposta.
    Quando collego l’hard disk al computer lu vedo come drive, quando lo apro invece si apre una finestra dove c’è scritto che il disco necessita di formattazione. Io non ho lunix, ma posso installarlo anche se ho windows? purtroppo non sono molto pratico di computer, fortunatamente trovo persone disponibili come te che danno ottimi consigli. in attesa di ricevere una tua risposta ti auguro una splendida giornata
    Lucio

    • Lucio, per provare a recuperare il tuo hd seguendo l’articolo, dovresti scaricare dal sito http://www.ubuntu-it.org/ l’ultima versione di Ubuntu e masterizzarla su un cd.
      Poi dovresti avviare ubuntu da cd senza installarlo e seguire il contenuto dell’articolo.
      Quando arrivi ad avviare Ubuntu, collega il tuo hd e vedi se Ubuntu lo legge e se lo apre. Se lo apre copia tutto quello che puoi nell’altro hd(quello dove è installato Windows). Se non lo apre segui l’articolo.

      Se hai dubbi o domande chiedi pure.
      Ciao

  15. Ciao Lino
    Grazie ancora per la delucidazione molto chiara per uno come me che non è esperto di computer. Domani mattina faro la prova immediatamente.
    Ti farò sapere com’è andata.
    Ciao e grazie ancora
    Lucio

  16. Ciao Lino, ho scaricato ubunti come indicato masterizzandolo sul CD, ho riavviato il computer con il CD inserito ,a non succede nulla, non si avvia ubunto ma si avvia normalmente windows. Ho provato anche a farlo partire da CD ma anche in questo caso si avvia la procedura di utilizzo da CD senza installazione ma si apre un errore e non funziona.
    Se provassi ad installarlo come un normale programma come indicato nel disco? potrebbe funzionare; stavo gia provando a farlo a ho preferito prima chiederti un consiglio.
    Grazie ancora
    Ciao lucio

    • Devi dire al bios del tuo pc di fare il boot dal cd e non dall’hd.
      Appena accendi il pc, prima che si avvii windows, prova a premere ripetutamente il tasto F12. Dovrebbe chiederti dove fare il boot.
      Se dal bios è abilitato la visualizzazione del messaggio, appena accendi il pc, quando visualizza le informazioni della scheda madre, ti dovrebbe indicare i tasti per accedere al bios o per fare il boot da un’altro supporto, come cd-rom o usb.

      Nel manuale della tua scheda madre è sicuramente indicato come fare e con quali tasti.

      Nel tuo caso è impostato come primo supporto boottabile l’hd. Quindi il tuo pc appena lo accendi verifica che è presente l’hd e esegue il boot li.
      Questa configurazione si più combiare, ma devi accedere al programma che gestisce la tua scheda madre “bios”.
      Se non sei ferrato sull’argomento ti sconsiglio di accedere al bios.

      Un altro modo per cambiare il supporto dove effettuare il boot è quello indicato prima con il tasto F12 (nel mio caso).

  17. Ciao Lino
    nel frattempo che aspettavo la tua risposta ho azzardato ed ho installato ubuntu, adesso all’avvio del computer mi appare una schermata nera momentanea cje mi chiede se voglio avviare ubuntu o windows, se non faccio nulla automaticamente si avvia windows.
    Ho trovato ubuntu molto pratico per alcuni dei lavori che svolgo, e mi sembra anche che lavori meglio con le3 presentazioni aziendali fatte con powerpoint, almeno da una prova che ho fatto. quindi pesno di lasciarlo e utilizzarlo quando faccio le serate.
    Una cosa importante invece è che grazie alle tue indicazioni
    HO RECUPERATO TUTTOOOOOOOOOOOOO
    GRAZIEEEEEEEEEEEEEE
    Ciao un abbraccio

  18. Ciao lino,volevo esporti il mio problema. Allora ho un hard-disk della samsung da 160 gb e sopra di questo hard disk ho davvero tutto la mia vita, da un paio di giorni non riesco più ada accedervi. Con windows 7 non lo legge neanche e mi dice che ci sono degli errori di formattarlo, mentre su ubuntu lo trova visualizza il nome del mio hard disk (cioè come lo avevo chiamato io, cosa che windows non faceva) mi apra l’hard disk solo che non mi fà vedere quello che ho dentro ma mi dice solo che ci sono 27 gb disponibile che è vero perchè tutto il resto era occupato da cose che avevo io. AIUTAMI TI PREGO, ho una marea di ricordi li sù e mi dispiacerebbe da morire perderli. Te ne sarò debitore a vita se riuscirai ad aiutarmi, un saluto. confido in te
    PS il computer sul quale ho ubuntu ho solo 40gb di memoria e il mio harddisk è da 160 posso comunque creare l’immagine come spieghi tu?

    • Ciao Jokervr,
      io per prima cosa farei un immagine/backup del tuo hd come indicato nell’articolo. Ovviamente ti serve un supporto con almento 160 giga dove salvare l’immagine/backup.

      Poi proverei con Windows direttamente ad eseguire “chkdsk” e vedere se riesce a riparare la partizione. Se non ci riesce, proverei con l’utility TestDisk.
      Su Chkdsk e TestDisk ci sono molti articoli in giro per il web che ti indicano come utilizzarli.

      Se neanche con questi ultimi riesci ad aggiustare il tuo hd, puoi seguire la guida dell’articolo partendo da dopo aver fatto l’immagine.

      Se neanche la procedura descritta in questo articolo funziona devi recuperare brutalmente i file con programmi come Photorec o Foremost. O programmi simili che girano su Windows.

      Se non ti è chiaro qualcosa chiedi pure.

      Ciao

  19. Scusate la domanda idiota , ma per un creare un’immagine di una partizione di 320GB mi serve altrettanto spazio libero? Hd secondario , esterno ecc?

  20. ciao Lino,
    volevo chiederti delle delucidazioni riguardo alla procedura di recupero.
    ho creato una immagine con ddrescue su una partizione creata adhoc per il recupero di un hd di 80gb. l’ho creata con filesystem ext4. tu invece?

    su ubuntu riesco a vedere il file .img creato, ma quando lancio ntfsfix mi restituisce una serie di errori e mi invita a usare chkdsk.

    quando monto il file con Furius, in Home vedo una cartella con lo stesso nome del file, ma vuota.

    grazie per il tuo tempo

    ciao

    • Ciao Andrea79,
      anche io avevo salvato e montato l’immagine su un disco ext4.

      Per il tuo caso, sarebbe interessante vedere i log di ntfsfix e di GNU ddrescue. Non sarebbe male provare ad eseguire uno smart test del tuo hd.

      Molto probabilmente, nel tuo caso, la procedura non ha funzionato. Perchè il tuo hd ha molti settori danneggiati.
      Arrivati a questo punto dovresti solo provare a recuperare i tuoi dati con programmi come Photorec o Foremost per Linux. Recuva e altri che ora non ricordo per windows.
      Considera che i programmi per Linux non recuperano il nome del file, quelli per Windows si.

  21. Ciao a tutti , ottima guida , vorrei chiederti ho un hd maxtor di 320 giga con uno stato smart BAD e non ci sono piu’ settori riallocabili se seguo la tua guida puo’ darsi che riesco a recuperare qualcosa ?

    Grazie

    • Ciao Vincenzo, per non ci sono più settori riallocabili cosa intendi?
      Se i settori danneggiati sono tanti, l’immagine con ddrescue puoi farla, ma per il recupero dati ti conviene utilizzare Foremost o Photorec.

      • Ciao, ti faccio i miei complimenti per la tua guida molto chiara e semplice da seguire. È stata facile da capire anche per un principiante come me. Ti volevo se la procedura e i tool descritti li posso utilizzare come descritto anche per file system fat, fat32 e ext4. Nel caso non fosse così mi potresti dire come fare.

        Grazie

        • Ciao Alma, grazie per i complimenti :)
          Per i filesystem Fat c’è il comando dosfsck. Per ext c’è e2fsck. Entrambi i comandi andrebbero a sostituire il comando Ntfsfix descritto nell’articolo.

          A questo link c’è una spiegazione e degli esempi dei suddetti comandi.

  22. Ciao complimenti per la guida semplice,
    diciamo che ho già utilizzato i comandi per analisi e recupero in brute force come photorec, ma ho dei dubbi poichè ho fatto questi test al massimo 2 o 3 volte molto tempo fa…
    ho il caso in un hhd da 160gb con 2 partizioni estese in ntfs e devo recuperare una parte da 101gb situata appunto in una delle partizioni estese.
    Con le classiche utility di ubuntu ho visto che ha dei settori danneggiati ma nn ha problema nel mounting e neanche esplorare le directory, tranne per una directory che era piena ed ora risulta vuota…
    Lo stato dello smart, tramite il gestore dischi, mi indica che ci sono alcuni settori danneggiati!
    potrei partire col fare un backup dei file che già adesso sono integri, ma io necessito di recuperare i file di quella cartella che ora mi risulta vuoto ma che in realtà carica in loop…
    La tua guida mi ha fatto capire che recupera i file tranne quelli nei sottori danneggiati….o sbaglio?
    Mi appello alle tue esperienze passate :)

    • Ciao Domenico,
      si hai centrato perfettamente la questione.

      Se il tuo hd ha dei settori danneggiati, ti consiglio, come già accennato da te di fare un backup dei file che riesci a leggere.
      Per quanto riguarda la cartella inleggibile, non sono sicuro che tutto il contenuto della cartella è andato perso. Forse i settore danneggiati riguardano gli indici dei file contenuti nella cartella.

      Per provare a recuperarli puoi usara i programmi linux che già conosci. Oppure se disponi di un’installazione di Winzoz, puoi provare Recuva o PC inspector. Se ricordo bene, questi due programmi ti mostrano la struttura delle cartelle. In modo da recuperare precisamente il loro contenuto.

      UPDATE: Oppure se vuoi continuare ad utilizzare programmi Linux, che provano a recuperare anche la struttura delle directory e i nomi dei file, puoi provare Sleuth Kit e Autopsy.

  23. Ciao Lino, poichè anche io devo copiare circa 400Gb in un’altra posizione, considerando SDA l’HD da copiare e SDC l’HD destinazione della copia, ho utilizzato il comando:

    sudo ddrescue /dev/sda media/dev/sdc/immagine_hd.img media/dev/sdc/LogFile.log

    Però ho il seguente errore:

    ddrescue: Can’t open output file: No such file or directory

    Dove sbaglio?

    • Ciao giuscal,
      quando esegui il comando ddrescue, controlla l’accessibilità del supporto sdc. Prova a montare l’hd sdc ed a scrivere un file. Poi, con il tasto destro sul file -> propietà, e vedi il path completo da inserire nel comando ddrescue.

  24. ciao lino,
    ho problemi con il mio hard disk… ho provato sea tools, ma non va…. potresti aiutarmi passo passo??? ho paura di sbagliare e combinare un casino….

    • Ciao Enny,
      dunque, la prima cosa che devi fare è scaricare Ubuntu e masterizzarlo su un cd o renderlo avviabile da pennetta Usb.

      Per creare un cd avviabile con Ubuntu devi semplicemente scaricare e masterizzare l’immagine iso dal sito Ubuntu-it.org.

      Se vuoi invece creare una pennetta usb avviabile, devi prima scaricare la iso di ubuntu dal link sopra e poi utilizzare il programma Unetbootin.

      Enny, scegli una delle due soluzioni per avviare ubuntu sul tuo pc. Quando hai fatto ci risentiamo.

  25. Ciao Lino. Ho letto questa guida perche’ disperato sto cercando di recuperare i file di un hd corrotto. Purtroppo la situazione non mi sembra favorevole. Il disco C: rovinato ha installato in una unica partizione 2 s.o xp e windows2000server e con alcuni dati importanti.Con entrambi dopo pochi istanti di carimento mi da l’errore inacessibile device boot. Ho provato con un live cd di Mint a vedere se mi vedeva la partizione ma senza successo.

    Error mounting: mount exited with exit code 13: ntfs_attr_pread_i: ntfs_pread failed: Input/output error
    Failed to read NTFS $Bitmap: Input/output error

    Dopo ho visto con la scansione smart che ci sono dei bad sector 244.

    Vorrei fare l’operazione che hai fatto tu che mi sembra correttissima. L’idea di creare una copia immagine del disco mi sembra eccellente visto che cosi’ non si tocca l’hd e non si fanno danni.
    Altri mi mi hanno consigliato di usare di programmi di recupero dati ma secondo me la situazione e’ troppo compromessa per ottenre qualche risultato :(
    Aiuto!

    • Ciao M4v3rick,
      i settori danneggiati sono molti, non so se riesci a recuperare la partizioni con la procedura descritta in questo articolo.
      Comunque ti consiglio di provare. Se la procedura descritta nell’articolo non funziona, l’unica strada è utilizzare programmi di recupero dati.

  26. iao Lino grazie della risposta. Smart mi dice

    reallocated sector count 214
    current pending sector count 28

    Non so cosa fare. Sono davvero disperato. E’ un pc molto vecchio con 2 hd

    su C: ci sono installati 2 sistemi operati xp e win2000server (senza password)
    su D: xp funzionante (ma non ho la password) era il pc di una mia amica e se l’è dimentatata

    all’avvio il Bootmanger di win mi chiede di scegliere tra i 3 sistemi operativi.

    Con i 2 sui C: dopo si bloccano dopo che viene visualizzata la schermata con i loghi di caricamento. ( con win2000server bdso con messaggio inacessibile device boot, con xp credo la stessa cosa ma non si riesce a vedere perche’ si riavvia subito).

    Cosa posso fare? Come procederesti tu? Smontare l’HD ide? Provare ancora con qualche cd live con tool di recupero? Ho paura di fare casini

    • Dunque, se ho capito bene.
      Sulla partizione C ci sono due sistemi operativi, entrambi inutilizzabili. E’ su questa partizione che ci sono i dati da recuperare.

      Su D c’è un’altro sistema operativo che però non si ha la password di accesso.

      Io proverei a prendere il controllo del sistema operativo su D. Ti ricordi l’utente ? Prova con l’utente Administrator password Administrator o admin.

      Se non riesci ad accedere prova con questo programma: trinity rescue kit . E’ da masterizzare ed usare come un live cd, tra le varie cose ti elimina o sostituisce la password di amministratore.

      Una volta preso il controllo del sistema operativo su D, vedi se riesci a leggere la partizione C. Se non la leggi, installa recuva e vedi se ti riesce a leggere C.

      • Grazie della risposta.Mi sono dimenticato di scrivere che quando ho utilizzato il cd di installazione di xp per vedere se era possibile utilizzare la console di ripristino mi dice che la partizione sul primo disco è sconosciuta. mentre con linux riesco a vedere che è ntfs e legge anche l’etichetta che è w2s e il partition flag è bootable. Dubito fortemente che entrando nella versione Xp funzionante possa leggere i file :( e poi con trinity rescue riuscirei ad eliminare la password proprio della vesione di xp su D: è il secondo disco )
        C: primo HD
        D: secondo HD
        Scusa se ti chiedo ma sono preoccupatissimo

        • Ti ho indicato di accedere a Windows del Secondo hd D, perchè pensavo che la partizione fosse leggibile. Almeno la lettera. Se già hai riscontrato che con il disco di ripristino di windows la partizione C è inleggibile, non penso che Recuva funzioni. Puoi provare tramite live cd di mint, installando test disk e vedere se riesce a metterti a posto la partizione C. poi riprovi a montarla con linux Mint.

          Cerca su google una guida su test disk per recuperare la tabella delle partizioni. Insieme a Test Disk ti installa anche Photo Rec che serve per recuperare file.

          Quello che continuo a pensare è che se riesci a prendere il controllo del secondo sistema operativo su D, puoi avviarlo è provare qualche programma nativo per Windows, che sicuramente funzionano meglio e sono più semplici da utilizzare rispetto a quelli per linux.

          • ho masterizzato il cd live bootmed che hanno testdisk e photorec gia’ installati e pronti all’uso. Photorec vede la partizione ntfs con etichetta w2k (sarebbe C: in pratica) ma non ho provato fare il recupero dei dati. Non so ancora se riesca a recuperare qualcosa. Non so dove salvare i dati (sempre che riesca a fare qualcosa) su un HD esterno collegato via usb visto che D: è strapieno.
            Sono 2 HD da 20 giga ciascuno. Mi spiace che ti sto tormentando :(

            • Per provare ad aggiustare la partizione non c’è bisogno di spazio aggiuntivo. Se vuoi recuperare file con Photo Rec si, un hd esterno è l’ideale.
              Ti avverto che PhotoRec è ottimo per le foto, ma lascia a desiderare per gli altri tipi di file.

              buon recupero :)

  27. Il MBR sara’ sicuramente rovinato e chissa’ cos’altro

    • Se ti fa vedere i 3 sistemi operativi e ti fa scegliere uno dei 3, se poi sembra che si avvii, il problema non penso sia il mbr ma file di sistema di windows.

      • si ma poi dice inaccessible boot device. Non capisco perche’ non mi fa vedere il file system e la partizione. Capita che un file di sistema si corrompa. Ma qui windows durante l’installazione non mi fa vedere la partizione che mi dice che è sconosciuta mentre linux la vede. E’ un gran casino :(

        • io proverei anche la procedura descritta in questo articolo. E’ un po lunga, ma ti crea l’immagine dell’hd saltando i settori danneggiati. Se hai fortuna riesci a recuperare tutto.

          Fammi sapere !!

          Ciao

  28. Ci sono novita’. Ho usato test disk e trova la partizione da 20 gb. Dopo ho aver fatto quick search. Trova sempre un’unica partizione e con P sono riuscito vedere tutto il file system e la struttura delle directory con i relativi nomi e file. Il file system sembra integro. Adesso che faccio? Forse ci riesco a recuperare i dati

    • Si, forse ci riesci. :)
      Dalla scermata che mi hai descritto, dovrebbe bastare selezionare un file e premere c. Poi selezioni dove vuoi salvare il file, meglio se è un hd esterno.

      Fammi sapere se riesci a recuperare i file in questo modo.

      • ho navigato nel file system e non sembra manchi niente almeno apparentemente. Adesso devo comprare un Hd esterno. Uno da 500 gb con tanto spazio ce l’ho ma è meglio comprarne un altro ad hoc. Poi devo capire se bootmed non ha problemi a trovare l’hd esterno e capire come lo identifica nel file system (non devo sbagliarmi e salvare i dati sui 2 hd presenti). Sono operazioni che non ho mai fatto. Speriamo bene.

        • Quello che vedi dovrebbe essere l’inode del tuo hd. Prima di spendere soldi, ti consiglio di verificare il recupero di alcuni file.

          • beh un HD esterno e’ sempre utile. magari potrei usare una penna usb per provare a recuperare qualche file. Li indentifica come dev/ qualcosa? scusami se ti do il tormento

          • Ancora non ho provato a fare il recupero dei dati ma ho letto il log di teskdisk e dice che il file system NTFS ha bisogno di essere riparato. L’inode è un concetto diverso allora.

  29. Salve, il mio problema è questo: ho un computer portatile HP di due anni, con un hard

    disk fi 500GB, che non mi ha mai dato problemi. Da un giorno all‘altro, cominciando

    con schermate di errore, il computer non ha più riconosciuto l‘hard disk, non lo vede

    proprio. Ho provato ad estrarre l‘hard disk e collegarlo tramite un adattatore ad un

    altro computer, ma nulla da fare, nonostante l‘hard disk giri e né si. scaldi né emetta

    strani rumori. Non so più cosa fare, sto disperatamente cercando un modo di

    recuperare i datu, perché non ho neanche un backup e ho lì dentro tutta le mie cose

    degli ultimu due anni… Se qualcuno di voi sa darmi una soluzione, gliene sarei infinitamente grata. Grazie mille..

    • Ciao Sara,
      con quale sistema operativo hai provato a montare l’hd? Io consiglio di farlo con Ubuntu o un’ altra distribuzione Linux. Linux riesce a montare hd, anche danneggiati, meglio di Windows.

  30. Ciao Lino, avrei un problema con un hdd da 250gb di un amico, e penso abbia un po di settori danneggiati, infatti esso viene rilevato dal pc ma non proprio bene, cioè sento che una periferica è connessa ma esso non lo carica mai, sto provando e riprovando con 3 software di recupero dati, tra cui GetDataBack, iCare data Recovery Software e pure con EaseUS Data Recovery ma in nessuno di questi la procedura va a buon fine, perchè rimangono al lavoro per 4-5 ore, ma a volte ad un certo punto vanno velocissimi come se l’hdd non fosse più collegato e terminano senza trovare file, altre volte la procedura finisce, esporto i dati, hanno le dimensioni credibili, ma nessuno di loro parte, che sia un mp3, foto o zip.
    Ho pure provato con qualche distro linux, come Ubuntu, Backtrack, Puppy Linux, ma non viene riconoscito propriamente, ora sto riscaricando Ubuntu 13 e vediamo se riesco a montarlo forzatamente. una cosa il Test disk di cui parli cui sopra è quello di linux o windows? Grazie in anticipo Lino!

    • Ciao Jonny, test disk non l’ho descritto in questo articolo ma in un’altro. Comunque, sia per linux che per windowds funzionano allo stesso modo.

      Dalla tua descrizione l’hd sembra messo molto male. I programmi che hai provato sono validi ma se ci mettono poco e vanno veloci vuol dire che non riescono a leggere e quindi saltano.

      Se con Ubuntu riesci a montarlo copia quello che ti serve, altrimenti una volta collegato dai sudo fdisk -l da terminale, se il comando ti rileva l’hd puoi provare con questa guida e vedere di 250giga quanti sono realmente validi.

      Ovviamente prova anche Test disk.

  31. Ciao lino, grazie intanto della celere risposta, ora sono dalla live di ubuntu 13, da Disk lo vedo ma non me lo fa montare, tra le opzioni disponibili permette solo: di Formattare, fare il benchmark e “creare l’immagine disco” ma questo lo sto facendo fare ora a GDDRESCUE, speriamo almeno ora riesca a creare l’immagine fino in fondo, :(

    • Jonny, se alla fine non riesci a montare l’immagine di gddrescue, l’ultimo tentativo è con test disk provando a recuperare file per file.

      • Ok, ora gddrescue sta lavorando, ma volevo chiederti: da quello che ho capito l’immagine avrà le dimensioni dell hdd, ma si intende solo le dimensioni del totale dei file che vi erano oppure sarà proprio come la grandezza di default di un hdd, per cui 60/120/320gb ecc? grazie

        • Dovrebbe essere il totale dei settori del hd che non sono danneggiati. Nel log o nella schermata del terminale ti dice quanti settori ha recuperato e quanti ne ha marcati come settori danneggiati. Quindi se hai molti settori danneggiati, su un hd da 320gb ti potrebbe recuperare solo 100gb. Che dovrebbe essere la dimensione dell’immagine finale.

          • Niente, è molto più tragica la situazione, ho provato con Testdisk rileva l’hdd, faccio partire ma continua a dire che non ci sono partizioni, pure con la deep search.
            Invece con DDRESCUE carica per un bel po di minuti fa l’immagine di appena 8mb rilevando 21 errori, e dice “input file disappeared: No such file or directory… che altro faresti tu? :(

  32. Non molto, secondo me il tuo hd è molto danneggiato. Penso che più di quello che hai fatto non puoi fare. Anche se usi altri programmi tipo Foremost o The Sleuth Kit non riusciresti ad ottenere molto.

  33. ho provato a fargli continuare la ricostruzione a ddrescue dandogli sempre lo stesso file immagine e log, ma lasciandolo tutta la notte, sembra stabile e continuano ad aumentare i kb dal terminale, mentre le dimensioni dell’immagine sembrano ferme a 167gb dopo neanche 10 minuti che lo fatto partire, e pure lasciandolo tutta la notte (ed è operativo dalle 15h del pomeriggio) fino a stamattina alle 11h ed è appena arrivato a fare l’immagine di 10gb (dal quel che si legge dal terminale su ddrescue) su 250gb mentre se vedo nuovamente le dimensioni del file immagine è sempre fermo a 167gb, ma ovviamente non penso sia la vera immagine dato che dopo circa 15 min era saltato da una 10ina di mb a 167gb perciò a stop punto alzo bandiera bianca e gli consiglio un vero professionista di recupero data :(
    Lino ti ringrazio cmq molto per il supporto e la tua disponibilità sei stato molto gentile!

Rispondi